Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Attività parlamentare
  • TRENTO: IGNORATE TUTTE LE POLEMICHE PER NOMINE NEI SETTORI APICALI DELL’AMMINISTRAZIONE, DELLA GIUSTIZIA E DELLA CURIA
  • TRENTO: IGNORATE TUTTE LE POLEMICHE PER NOMINE NEI SETTORI APICALI DELL’AMMINISTRAZIONE, DELLA GIUSTIZIA E DELLA CURIA

    986

    Tra i mesi di febbraio ed aprile del 2016 Trento ha visto la nomina di un nuovo Commissario del Governo il Dott. Pasquale Gioffrè, la nomina di un nuovo Procuratore Generale presso la Corte d’Appello, il Dott. Giovanni Ilarda e l’incarico al nuovo Vescovo Don. Lauro Tisi.

    Il dottor Gioffrè, commissario del Governo a Trento, in precedenza, dal 2012 al 2013 è stato prefetto di Lodi, ove era stato coinvolto in una polemica che lo ha fatto assurgere alle cronache nazionali: sia il Fatto Quotidiano che l'Unità, infatti, nei primi giorni di febbraio del 2012 titolavano: «Ndrangheta, impresa e politica. Le amnesie del prefetto di Lodi» (il Fattoquotidiano.it) e «Infiltrazioni al nord. Le pericolose amicizie del prefetto di Lodi» (l'Unità);

    Lo stesso dott. Gioffrè è associato con la «Casa del Sole» di Genova al dott. Giuseppe Profiti, manager della sanità vaticana e fratello del pubblico ministero dott. Pasquale Profiti di Trento, che indaga sugli scottanti casi relativi ad incarichi di notevolissimi importi affidati alla Deloitte sul caso «Trento Rise», vicende che a vario titolo, ad oggi, contano ben 7 filoni d'indagine.

    La società Trento Rise tocca la provincia autonoma di Trento e l'università di Trento, quando rettore della stessa era l'avvocato Daria De Pretis, oggi giudice della Corte costituzionale, la società di consulenza Deloitte e vede addirittura il caso di suicidio dell'avvocato Michele Debiase, capo dell'ufficio legale di Trento Rise, qualche giorno prima dell'interrogatorio fissato per il procedimento che lo vedeva indagato in uno dei filoni scaturiti dalla stessa inchiesta.

    Tale società ha sede presso un immobile di proprietà di una società partecipata dall’ISA, quest’ultima è l’estensione finanziaria della curia trentina (società finanziaria della Curia Trentina con 80 anni di storia), ha fortissimi interessi finanziari e di capitali, in Trentino e altrove e collegamenti con manager che hanno ricoperto incarichi di notorietà nazionale. Ad esempio, presidente di ISA è stato Massimo Tononi, già manager di Goldman Sachs, sottosegretario all'economia con delega alle privatizzazioni ai tempi del Governo Prodi, più recentemente ultimo presidente uscente della Banca Monte Dei Paschi di Siena.

    La seconda nomina a Procuratore Generale presso la Corte d'Appello di Trento riguarda il dott. Giovanni Ilarda, magistrato non attivo, proveniente dal Ministero della giustizia come consulente, e prima ancora assessore esterno della giunta di Raffaele Lombardo e quindi coinvolto direttamente o indirettamente nell'accreditamento di strutture sanitarie siciliane.

    Molti giornali ricordano che al tempo del suo impegno politico, fece assumere, per chiamata diretta, come dirigente della regione Siciliana nel settore dei beni culturali, la figlia, che si dimise dall'incarico una volta che la notizia della nomina venne diffusa dai media.

    I dott. Gioffré ed Ilarda sono stati nominati entrambi in tempi ravvicinati nella città di Trento, in coincidenza con la nomina del nuovo Vescovo di Trento Don. Lauro Tisi, Vicario del Vescovo uscente, quindi anch’esso proveniente dalla curia trentina.

    Sebbene si possa comprendere che le varie amministrazioni dello Stato, quali il Ministero dell’Interno e della Giustizia intendano attuare le nomine delle posizioni apicali contemporaneamente alle altre amministrazioni, è curioso che non siano state prese in considerazione tutte le polemiche precedentemente citate

    Per questo ho depositato un’interrogazione ai Ministri della Giustizia e dell’Interno per sapere quali siano state le valutazioni, per quanto di competenza, in occasione di queste recenti nomine, in relazione alle vicende riportate e se e quali eventuali iniziative di competenza il Governo intenda assumere in relazione alle stesse.

    Qui il link alla mia interrogazione

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti