Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Condizioni detenuti
  • COSA SI FARA' DEL NUOVO CARCERE DI ROVIGO
  • COSA SI FARA' DEL NUOVO CARCERE DI ROVIGO

    2079

    Il nuovo carcere di Rovigo costituisce un caso emblematico di un'Italia che spreca denaro pubblico.

    E' stato completamente edificato con una spesa di circa 29 milioni di euro, inclusi gli alloggi per la polizia penitenziaria, ma mancano gli stanziamenti, circa 8 milioni,  per consentire di ultimare la struttura, acquistando gli arredi necessari a rendere il carcere operativo.

    Tutto ciò in un Paese dove il sovraffollamento endemico e cronico delle carceri provoca conclamate situazioni detentive disumane e degradanti per i detenuti, poi sanzionate dalla UE con multe salatissime.

    Sembra impensabile che dopo un tale impiego di fondi pubblici ed a fronte di una reale ed attuale esigenza di ampliamento dei posti dedicati ai detenuti, ci si fermi di fronte ad un problema finanziario del 20 per cento del costo totale dell'opera, a meno che non si voglia tranquillamente ammettere che il nuovo carcere, per come è stato concepito, ora risulta essere antieconomico e non sostenibile.

    Ho presentato sul punto un'interrogazione al Ministro della Giustizia per sapere cosa intenda fare e se ritenga di poter attingere ai fondi del "Piano Carceri" ovvero alla Cassa delle Ammende al fine di rendere operativo il nuovissimo carcere di Rovigo o se il carcere rimarrà, come molto probabile, inoperativo e completamente inutile.

    Qui il link alla mia interrogazione

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti