Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Attività parlamentare
  • AUMENTO DELLE PENE PER L'ABBANDONO DI ANIMALI - LA MIA PROPOSTA DI LEGGE
  • AUMENTO DELLE PENE PER L'ABBANDONO DI ANIMALI - LA MIA PROPOSTA DI LEGGE

    2411

    Nel nostro ordinamento giuridico gli animali sono protetti direttamente in quanto esseri senzienti e i maltrattamenti verso di loro non sono più puniti solo in via mediata ossia quale offesa del comune sentimento di pietà.

    L’animale è considerato capace di percepire sofferenze e gioie proprie e ciò rende necessario trattare come delitto ogni inutile sofferenza ad esso procurato.

    L’articolo 727 del codice penale prevede la possibilità di ricomprendere nella fattispecie una serie abbastanza estesa di comportamenti lesivi degli animali.

    Una riforma del 2004 individua la lesione, la sottoposizione a sevizie o a fatiche e a comportamenti incompatibili etologicamente, il reato di doping a danno di animali e, infine, l’impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate, sanzionando tali comportamenti con i reati previsti dall'art. 544-ter e seguenti nel libro secondo del codice penale al titolo IX-bis « Dei delitti contro il sentimento per gli animali ».

    L’articolo 727 del codice penale, oggi, mantiene la funzione di punire sia le condotte residuali che non raggiungano la gravità prevista dai delitti richiamati, sia operando parallelamente a questi ultimi delitti in forma contravvenzione, ma le pene previste sono sostanzialmente basse: l’arresto fino ad un anno ed il valore dell’ammenda parte da un minimo ancora esiguo, 1.000 euro.

    E' doveroso aumentare il massimo delle pene previste per le condotte punite dall’articolo 727 del codice penale sia per la brutalità con cui questi comportamenti deprecabili vengono inflitti ad animali inermi, sia perché spesso la violenza sugli animali è l’anticamera della violenza contro gli stessi esseri umani.

    Con la mia proposta di legge ho quindi inteso aumentare le pene fino a due anni e sei mesi o con l’ammenda da 2.500 a 25.000 euro.

    Qui il testo della mia proposta di legge.

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti