Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Attività parlamentare
  • Nuova Corte d'Appello a Verona - la mia proposta di legge
  • Nuova Corte d'Appello a Verona - la mia proposta di legge

    2865

    La mia proposta di legge vuole istituire a Verona una sezione distaccata della Corte d'Appello di Venezia.

    Il Veneto è una delle grandi regioni italiane con un'unica sede di Corte d'Appello e un contenzioso giudiziario rilevantissimo. Così si determina un sovraccarico dell'unica corte d'appello che impedisce una rapida ed efficiente amministrazione della giustizia, con il progressivo dilatarsi dei tempi di decisione.

    Considerando il numero dei procedimenti giacenti, la durata media di attesa dell'udienza di trattazione si attesta in circa 5 anni nel civile, da cui risulta evidente una certa irrazionalità della geografia giudiziaria nel territorio del Veneto.

    Sebbene i giudici d'appello di Venezia mantengano elevati ritmi di produttività con un carico di lavoro per ciascun collegio superiore alle 500 cause (fonte Banca d'Italia, 2008), ai fini di un più celere svolgimento del secondo grado di giudizio si ritiene più che utile istituire una sezione distaccata della stessa Corte nella città di Verona.

    Peraltro, di fronte all'attuale sede del Tribunale di Verona sarebbero disponibili alcuni palazzi potenzialmente destinabili all'amministrazione della giustizia: una grande costruzione di origine austro-ungarica - il cosiddetto "Campone" - che fino al 1996 ha ospitato la casa circondariale di Verona, e che da allora è inutilizzata, anche a causa di un contenzioso che investe l'immobile.

    L'istituzione di un'altra sede di amministrazione della giustizia d'appello comporterebbe, pertanto, una ripartizione del territorio fondata su parametri razionali e oggettivi, poiché anche dal punto di vista territoriale e logistico, è rilevabile immediatamente come la Corte d'Appello di Venezia sia posta in un luogo del tutto decentrato rispetto al territorio veneto amministrato.

    Sulla base di quanto rilevato, risulta evidente che la mia proposta di legge prevede una più ponderata distribuzione territoriale degli uffici giudiziari nella regione Veneto volta ad assicurare una celere ed efficiente amministrazione della giustizia in favore di tutti i cittadini e del sistema giuridico in generale.

    Qui il link alla mia proposta di legge

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti