Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Attività parlamentare
  • TRIBUNALE DI VERONA: 29 POSTI DI LAVORO SCOPERTI, LA SITUAZIONE E' INACCETTABILE
  • TRIBUNALE DI VERONA: 29 POSTI DI LAVORO SCOPERTI, LA SITUAZIONE E' INACCETTABILE

    1812

    La situazione del tribunale di Verona è inaccettabile. Il Sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore ha risposto a 3 mie interrogazioni riguardo la situazione del Tribunale di Verona che soffre, da tempo, di una grave carenza di personale amministrativo e giudiziario.

    La cronica carenza di personale amministrativo presso gli uffici giudiziari nazionali peggiora di anno in anno: 38.549 unità nel 2011, 37.161 nel 2012 e 36.356 nel 2013 è per lo più dovuta all'impossibilità di attuare il turnover del personale cessato, perché trasferito ad altra amministrazione o pensionato.

    I numeri parlano chiaro: attualmente, tra le altre assenze, Verona dispone di 38 magistrati su 46 previsti e i funzionari addetti alle notifiche sono addirittura il 40% in meno rispetto al dovuto: dei 40 necessari, ne lavorano solo 24. E' inaudito che una città come Verona soffra di tali mancanze. A preoccupare è soprattutto l'assenza di adeguato turnover con il personale trasferito o pensionato, causato dal blocco delle assunzioni nei tribunali.

    I blocchi alle assunzioni che hanno caratterizzato gli interventi normativi degli anni passati non hanno certo reso possibile un miglioramento della situazione.

    Il Ministero della Giustizia dichiara che sono attualmente in corso due procedure di selezione e reclutamento per giudici togati, rispettivamente di 340 e 350 magistrati ordinari, che consentiranno tra il gennaio 2017 e il gennaio 2018 l'entrata in servizio di 690 nuovi magistrati, pertanto – sostiene a voce del Sottosegretario Migliore – la situazione dovrebbe presto migliorare con l’arrivo anche a Verona di nuovi magistrati freschi di nomina.

    Verona è divenuto un centro di interessi economici che rappresenta una realtà importante nel panorama Veneto e nazionale, con un territorio a forte connotazione imprenditoriale e commerciale, con evidenti necessità di certezza del diritto e rapidità nella definizione delle cause per poter attrarre investimenti, favorire un più ampio sviluppo economico e la competitività dello stesso sistema economico-finanziario locale.

    La provincia di Verona, infatti, integra tutti gli indicatori qualificativi della domanda di giustizia, quali un grande numero d’imprese presenti e concentrate sul territorio veronese, oltre all'incidenza di varie organizzazioni criminali che purtroppo sono presenti nel circondario di Verona, attratte dalla ricchezza del tessuto economico della nostra cittadina.

    La situazione del Tribunale di Verona resta in ogni caso inaccettabile, e nonostante le rassicurazioni del Ministero si può fare molto di più. Il caso di Verona è molto urgente, non si può aspettare un anno.

    Più personale è necessario per sostenere adeguatamente la giurisdizione, e garantire certezza del diritto e rapidità nella definizione delle cause a cittadini ed imprese!

    Una giustizia efficiente è la base di un maggiore sviluppo economico. I cittadini devono essere tranquilli e gli imprenditori devono sentirsi tutelati e protetti nelle loro operazioni. Per questi motivi una città fiorente dal punto di vista economico come Verona non può tollerare di avere 29 posizioni scoperte nel proprio tribunale.

    Qui il link alla pagina del resoconto dell'Aula

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti