Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Padri separati
  • Bigenitorialità - Incontro con il Ministro Orlando
  • Bigenitorialità - Incontro con il Ministro Orlando

    2692

    Roma. Martedì 21 aprile 2015 mi sono recato ad un incontro con il Ministro della Giustizia On. Andrea Orlando per sottolineare l’importanza della tutela dei diritti di tutte le parti nelle coppie che decidono di lasciarsi, assieme ad Alessandro Pachera, Coordinatore Provinciale Pari Opportunità UIL-F.P.L Verona, Roberto Buffi, Presidente Centro Antiviolenza Bigenitoriale Onlus Rovereto, Adriana Tisselli, Presidente Movimento Femminile per la Parità Genitoriale Milano.
    Le riforme del diritto di famiglia degli ultimi anni sanciscono il diritto dei bambini a ricevere amore da entrambi i genitori. Ma tale diritto sembra spesso non venire tutelato dalle decisioni giurisprudenziali che, in spregio al concetto di bi-genitorialità, tengono in disparte la figura paterna. Il padre, infatti, quasi mai viene valorizzato all’interno dei procedimenti giudiziali di affido condiviso tanto da restare, spesso, un attore marginale all’interno del percorso di educazione e crescita dei figli minori.
    Sarebbe auspicabile giungere ad una situazione nella quale con la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti, gli assistenti sociali, la magistratura, gli operatori preposti alla tutela dei minori, si riuscisse a garantire equità ed equilibrio dei diritti tra i padri e le madri, evitando l’abuso dell’affidamento agli istituti residenziali per minori, gli eccessi negli affidamenti, aprendo le porte ad una visione che contempli l’utilizzo più diffuso dell’affido condiviso “paritario” con mantenimento diretto dei minori e sistemi di tutela dei diritti di visita efficaci nei confronti dei comportamenti arbitrari di molti genitori.
    Considero un primo passo importante, verso un più bilanciato approccio alle problematiche espresse, la decisione di alcuni comuni di creare un registro della bi-genitorialità, nel quale possano essere indicati i nominativi e le residenze di entrambi i genitori dei minori posti in affidamento congiunto, di modo da consentire la comunicazione con entrambi i genitori da parte delle istituzioni pubbliche.
    Il Ministro Orlando ha manifestato tutto il suo interesse ed attenzione nei confronti di tali problematiche, capaci di affliggere quei 4 milioni di padri che in Italia vivono una separazione affettiva, di ripercuotersi sulla crescita armoniosa e serena dei figli minori e di provocare, altresì, oltre 100 suicidi all’anno tra questi padri separati, garantendo, infine, il suo impegno nella risoluzione di tali elementi di criticità attraverso un approccio condiviso che preveda le necessarie modifiche legislative per la creazione di un nuovo “Tribunale della Famiglia”, più vicino alle esigenze dei cittadini.
     

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti