Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Per il territorio
  • CAPOLAVORI RUBATI AL MUSEO CASTELVECCHIO - INCOGNITA SULLA RESTITUZIONE
  • CAPOLAVORI RUBATI AL MUSEO CASTELVECCHIO - INCOGNITA SULLA RESTITUZIONE

    1362

    Il 19 novembre del 2015 il Museo di Castelvecchio di Verona è stato teatro di una rapina milionaria: al momento della chiusura serale tre persone travisate hanno trafugato 17 dipinti di Tintoretto, Mantegna, Pisanello e Rubens, per un valore circa 25 milioni di euro.

    Dopo accurate indagini, sono stati individuati i presunti autori del fatto: due italiani, ed alcuni cittadini moldavi, questi ultimi tratti in arresto, nel marzo 2016 in Ucraina, dove, poi, nel maggio scorso sono stati Fortunatamente ritrovati anche tutti i 17 preziosissimi quadri, nascosti in un bosco vicino Kiev, contenuti in sacchetti di plastica e che stavano per essere trasportati in Moldavia.

    Il governo Ucraino mostratosi dapprima disinteressato, solo a seguito dell'intervento dell'Agenzia Europea EuroJust è divenuto più collaborativo favorendo l'immediata estradizione dei presunti autori della rapina verso l'Italia. Tant’è che l’estradizione tempestiva ha consentito anche l’apertura, nei giorni scorsi, del processo penale avanti al Tribunale di Verona alla presenza di tutti gli imputati, accusati di rapina a mano armata in concorso e sequestro di persona.

    Resta difficile da comprendere come sia possibile che a distanza di un anno dalla rapina e ad oltre 6 mesi dal loro ritrovamento in Ucraina, i preziosissimi quadri rubati siano ancora esposti nel palazzo presidenziale di Poroschenko, dopo che la scorsa estate era stata allestita una mostra al museo Khanenko di Kiev, alla quale hanno partecipato il sindaco di Verona Tosi ed il presidente ucraino Poroshenko.

    Nonostante le numerose rassicurazioni le opere d’arte tardano ad arrivare; la rogatoria per la restituzione dei quadri, infatti, dopo che erano stati sollevati alcuni impedimenti è rimasta inevasa.

    Dapprima ci sono stati alcuni contatti informali, quindi visite del sindaco di Verona, Flavio Tosi a Kiev, la concessione della cittadinanza onoraria di Verona al premier ucraino Poroshenko,  infine la mostra organizzata nel museo di Kiev.

    Nella trattativa per la restituzione delle opere d’arte si sono cimentate anche la diplomazia ed il governo italiano.

    Nel mese di settembre, infatti, in occasione dei funerali dell’ex-premier israeliano Shimon Peres il Presidente del Consiglio Renzi, dopo aver parlato con il premier ucraino Poroschenko, anch'esso presente all'evento, si è profuso in rassicurazioni relativamente ad un rientro delle opere entro il mese di novembre 2016.

    Ad oggi, tuttavia, non si ha ancora certezza relativamente ai tempi di riconsegna di questo preziosissimo patrimonio storico, alcuni organismi di stampa avanzano l’ipotesi che il premier ucraino Poroshenko non voglia restituire le opere cinquecentesche se non consegnandole personalmente nelle mani del primo ministro italiano Renzi, in una visita ufficiale.

    La vertenza inizialmente giudiziaria, quindi, sembra proprio aver assunto i contorni di una questione politica e diplomatica che appare di difficile risoluzione, stante anche la situazione geopolitica che sta vivendo l’Ucraina e gli equilibri europei in relazione ai rapporti con la Russia, oggi del tutto invisa al governo Ucraino.

    Per questo ho deciso di presentare un'interrogazione al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo, e al Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale, per sapere se i particolari delle vicenda possano essere ricompresi in condizioni giudiziarie ovvero normative derivanti da accordi bilaterali, ovvero meramente politici, che impediscano l’evasione della richiesta di restituzione dei quadri rubati.

    E soprattutto quali strumenti giuridici oppure azioni diplomatiche intendano azionare perché questi capolavori, trafugati e poi ritrovati, possano rientrare quanto prima possibile nel
    museo veronese di Castelvecchio.

    Qui il link alla mia interrogazione
     

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti