Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Per il territorio
  • Fondazione Arena e nuovo Maestro del Coro. Occorre trasparenza
  • Fondazione Arena e nuovo Maestro del Coro. Occorre trasparenza

    3454

    L'Ente Lirico Fondazione Arena di Verona, che gestisce le rappresentazioni liriche dell’antico e conosciutissimo anfiteatro “Arena” e del Teatro Filarmonico, avrebbe intenzione di assumere o incaricare un nuovo maestro del coro.

    La notizia è stato oggetto di richieste d'informazioni da parte del consigliere comunale di Verona Luca Mantovani del Movimento 5 Stelle, alle cui domande è seguito un diniego da parte del Sovrintendente dell'Ente, sostenendo che l'Ente Fondazione Arena di Verona non dipende dal Comune e pertanto i consiglieri comunali non sarebbero titolati ad ottenere tali informazioni, che per di più riguardano decisioni di carattere imprenditoriale ed artistico, appannaggio di piena autonomia decisionale della Fondazione.

    Le richieste avanzate evidenziavano la circostanza che l’ente lirico ha già nel suo organico un maestro del coro di notevole levatura, Andrea Cristofolini, vincitore di regolare concorso e musicista straordinario, che svolge il suo incarico con elevata qualità professionale dal 1995.(Storia del Coro di Verona - dal sito Fondazione Arena di Verona)

    La professionalità del maestro che opera per la Fondazione Arena, per citare alcuni esempi, è generalmente riconosciuta da più critici musicali, ed in merito alla rappresentazione della “Creazione” di Haydn, al Teatro Filarmonico, Cesare Galla ne tesse gli elogi sul quotidiano ”L’Arena di Verona” del 23 ottobre 2011.

    Lo stesso Cristofolini vanta al suo attivo una memorabile edizione del “Rosamunde” di Schubert con i musicisti diretti dallo stesso.

    Strano, quindi, che la Fondazione Arena di Verona, che annovera tra le proprie risorse un maestro di provata esperienza ed eccellente qualità professionale, ritenga di voler incaricare un ulteriore maestro del coro, attingendo da risorse esterne alla struttura dell’ente.

    Soprattutto in un momento come questo, nel quale l’attività della pubblica amministrazione dovrebbe essere improntata al massimo risparmio di spesa assumendo un comportamento virtuoso di taglio dei costi con invarianza dei servizi ai cittadini.

    Ci si chiede, allora, quali siano i criteri d’opportunità amministrativa seguiti, ovvero le esigenze tecniche riscontrate, tali da giustificare la determinazione di assumere ovvero incaricare necessariamente un ulteriore maestro del coro presso la Fondazione Arena di Verona.

    Qui trovate l'interrogazione presentata al Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti