Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Pillole
  • Matacena in latitanza dorata a Dubai. Ancora nessun accordo sull'estradizione
  • Matacena in latitanza dorata a Dubai. Ancora nessun accordo sull'estradizione

    2591

    L'ex parlamentare di Forza Italia Amedeo Matacena è ancora oggi latitante a Dubai dopo aver subito la condanna in via definitiva per concorso esterno in associazione mafiosa a 3 anni di reclusione.

    Sebbene, in un primo momento, le autorità degli Emirati avessero arrestato Matacena (agosto 2013) e le autorità italiane ne avessero chiesto la sua estradizione  (settembre del 2013), la richiesta della magistratura italiana è stata ritenuta totalmente illegittima dall'autorità giudiziaria degli Emirati Arabi perché per loro non esiste il reato di concorso esterno in associazione mafiosa e quindi non viene riconosciuta la condanna.

    Matacena, anche in virtù di ciò, è stato dopo poco scarcerato grazie alla legge degli Emirati Arabi Uniti che consente la privazione della libertà, per i cittadini stranieri in attesa di estradizione, solo per un breve periodo.

    Il Governo italiano intrattiene ottimi rapporti diplomatici con gli Emirati Arabi (recenti le visite di Letta e Renzi), e si stimolano gli scambi commerciali e strategici nei settori della difesa, dei trasporti (Alitalia - Etihad), delle concessioni per lo sfruttamento della produzione petrolifera negli Emirati Arabi e per la costruzione di infrastrutture ferroviarie (Finmeccanica).

    Al contrario, il Governo, ad oggi, non pensa però ad alcuna negoziazione e stipula di un accordo bilaterale relativo alla cooperazione ed all'assistenza giudiziaria in materia penale ed inerente l'estradizione ed il transito dei cittadini condannati tra i due Paesi, che sarebbe invece necessario per ottenere, ad esempio, la rapida estradizione del cittadino italiano Matacena, condannato con sentenza definitiva, ed evitare che gli Emirati Arabi diventino per gli italiani fuggiaschi Paesi ove poter condurre indisturbati una latitanza dorata.

    Qui il link alla mia interrogazione.

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti