Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione. Accettando questa informativa dai il consenso al loro utilizzo. Ok Voglio saperne di più
Tancredi Turco

Tancredi Turco

II COMMISSIONE GIUSTIZIA COMITATO PER LA LEGISLAZIONE CONSIGLIO DI GIURISDIZIONE COMITATO PARLAMENTARE PER I PROCEDIMENTI DI ACCUSA
  • Home
  • Pillole
  • Un pò di chiarezza su Alternativa Libera
  • Un pò di chiarezza su Alternativa Libera

    3182

    Dall'uscita di 9 deputati dal M5S, il 26 gennaio, e dalla nascita di Alternativa Libera, ne sono state dette di tutti i colori, per lo più e scientemente, in malafede.

    I motivi che ci hanno portato a prendere una dolorosa quanto inevitabile decisione, sono dovuti ad un tradimento dei principi fondanti del movimento, ad una mancanza di vera democrazia diretta, se non almeno partecipata, alla farsa delle continue espulsioni di parlamentari ed epurazioni di attivisti ed interi meetup, ed alla riduzione a marketing dell'attività politica.

    Le recenti conversazioni che ho potuto ascoltare, quelle di Grilloleaks, non hanno fatto altro che confermare quanto da tempo era ormai evidente.

    Andiamo ad inalizzare tutte le accuse che sono piovute addosso ad Alternativa Libera, poi smentite una ad una dai fatti.

    1) Uscite a 2 giorni dall'elezione del Presidente della Repubblica per andare a fare l'inciucio con Renzi. Falso! Siamo usciti a 2 giorni dall'elezione del PdR proprio perchè, come al solito, il M5S non manifestava una strategia per la sua elezione: non con la base, nè tantomeno tra i parlamentari. (Per chi non se ne fosse ancora accorto la base nel M5S non esiste più: la base nel M5S è la Casaleggio Associati srl). Ricordo a tutti che nella precedente votazione si erano fatte le "quirinarie", dando la possibilità a tutti gli attivisti di poter esprimere una propria preferenza. A molti, e certamente agli attivisti o a chi si è da sempre interessato al M5S, non sarà sfuggita la trasformazione del movimento in un vero e proprio partito gerarchico. Un sondaggio sul PdR, ovviamente non certificato, si è fatto solo ed unicamente dopo la nostra uscita e dopo le nostre accuse. L'aggressione subita dal collega Walter Rizzetto, reo di recarsi da Renzi solamente per partecipare alla normale attività politica, rimarrà negli annali come episodio gravissimo di squadrismo. Per la cronaca, in tutte e 4 le votazioni per il PdR, Alternativa Libera ha sempre votato Stefano Rodotà, unico nome emerso come scelta degli attivisti, da sondaggio certificato.

    2) Vi siete venduti a Renzi. Falso! Siamo e rimaniamo opposizione. Abbiamo votato contro la fiducia a questo governo, contro le riforme istituzionali, contro l'Italicum.

    3) Vi siete venduti a Scelta Civica. Falso! Il dialogo tra la collega Mara Mucci e Mariano Rabino, rubato in aula, estrapolato da un contesto non specificato nella registrazione stessa e trionfalmente postato sul blog di Grillo con un titolo fuorviante, mistificatore, falso e diffamatorio, (alla faccia della vera informazione), non era altro che un approccio, come tanti ne avvengono, privo di qualsiasi valore. Prova ne è che con Scelta Civica non abbiamo, poi, avuto nulla a che fare. Fortunatamente è venuto fuori, invece, come il gruppo parlamentare del M5S impiega i soldi pubblici assegnati ai gruppi parlamendari: spendendo 160.000 euro per l'affitto di appartamenti per lo staff indicato dalla Casaleggio Associati (tra cui Rocco Casalino).

    4) Vi siete venduti alla Lega Nord e a Fratelli d'Italia. Falso! La partecipazione ad una manifestazione contro il Governo Renzi organizzata da altre forze politiche dell'opposizione non era altro che un tentativo di dialogo, che abbiamo con tutte le forze politiche, per non ridurci ad essere totalmente inutili perchè, purtroppo o per fortuna, in democrazia servono i numeri e, se si vogliono ottenere risultati concreti, su determinate battaglie, occorre fare fronte comune (ricordo che era una manifestazione contro il Governo Renzi).

    5) Lo fate per andare in tv a denigrare il M5S e per avere un pò di visibilità. Falso! Nessuno di noi è andato in trasmissioni tv che avevano il solo intento di far parlare qualcuno contro il movimento. Semmai è vero il contrario: ci hanno pensato i nostri ex colleghi a spargere fango per non fare passare i veri motivi che ci hanno spinto a lasciare.

    6) Lo fate per i soldi. Falso! Continueremo a restituire una parte dello stipendio come abbiamo sempre fatto e dichiarato. E' incredibile, poi, come questa sia stata l'accusa più frequente! Tutti i deputati di Alternativa Libera hanno sempre restituito regolarmente una parte dello stipendio, tant'è che alla nostra uscita eravamo tra i pochi ad essere a posto ed in regola con la rendicontazione (ovviamente immediatamente cancellati dal sito tirendiconto.it perchè non si vedessero le differenze). Personalmente ho restituito il doppio in questi 2 anni alla Camera di molti miei ex colleghi del M5S, che gonfiano le spese.

    Dove vuole andare, allora, Alternativa Libera?

    Lo dice il nome stesso: Alternativa Libera vuole essere alternativa a tutte le altre forze politiche. E' libera nel senso che non ha padroni, capibastone, leader di nessun tipo, direttori non eletti o PierDavide vari, non deve gridare allo scandalo sempre e comunque o diffondere notizie false. AL vuole solo dire la verità e fare le cose buone per i cittadini.

     

    Devi autorizzare l'installazione dei cookie per visualizzare i commenti